2014: terremoto in Commissione Roma 1

Pubblicato il

Vogliamo qui rivelare un piccolo retroscena che mostra i giochi di potere interni alla ASL Roma E per quanto riguarda i nominativi del Presidente e dei Membri della Commissione Medica Locale Roma 1.

Non dobbiamo sorprenderci: sappiamo che nel 2013 la ASL Roma E fu commissariata su richiesta del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, sappiamo che il commissario nominato fu il rampante amministratore sanitario dott. Angelo Tanese, sappiamo anche che la situazione doveva essere diventata tanto ingestibile da far ribrezzo anche a un Gregorio VII.

Ed ecco che con l’anno nuovo e il nuovo corso il dott. Tanese procede diligentemente a riportare la situazione nei canoni della decenza: sua è una delibera del marzo 2014 con oggetto “Riorganizzazione delle Commissioni mediche per l’accertamento dell’invalidità civile e nomina dei componenti a seguito di interpellanza interna”.

Ma siamo sicuri di poterci fidare? Qualcuno pensa bene di non fidarsi ciecamente, così spedisce una lettera al Direttore Generale, dove chiede che sia pubblicata la graduatoria in base alla quale sono stati selezionati i nominativi di chi ha preso gli incarichi nelle Commissioni. Un’anima candida speranzosa in una ventata d’aria fresca nell’amministrazione sanitaria locale: il dott. Ernesto Cappellano, dell’Associazione Sindacale Medici Dirigenti.

Cosa succede? Forse anche perché il quotidiano Il Tempo sta calcando un po’ troppo la mano, dopo circa un mese la graduatoria viene pubblicata. Ma al dott. Cappellano i conti non tornano: candidati con punteggi più alti in graduatoria sono stati scartati a favore di colleghi meno meritevoli, alcuni nominativi ricoprono stessi incarichi in diverse Commissioni. Ancora. Come è possibile si chiede il dott. Cappellano, richiedendo con una nuova lettera al dott. Tanese di riconsiderare le nomine.

Niente da fare, il gioco finisce con un colpo di mano del dott. Maurizio Ferraresi, che è il Responsabile del procedimento della delibera aziendale Commissioni invalidità civile. È stata la criticità, l’emergenza di alcune situazioni che ha imposto eccezioni alle indicazioni della graduatoria: questo il parere espresso dal luminare in una missiva.

Ma non solo. Il dott. Ferraresi sconsiglia di sospendere le nomine derivate dalla deliberazione del dott. Tanese, onde evitare possibili criticità e disagi per gli utenti. Ancora, i doppi incarichi di alcuni nominativi sono necessari data la penuria di personale qualificato, ma non sarà allora il caso di investire un po’ in formazione?

Beh, cosa vi aspettavate. Il danno e la beffa. Le graduatorie non si rispettano e non c’è neanche vergogna ad ammetterlo. Fioccano i doppi incarichi, ma sono a fin di bene.

Lascia una risposta

Vuoi domandare qualcosa a CML Roma 1 adesso basta? Assicurati di aver letto le domande frequenti, altrimenti scrivi a domande@cmlroma1-adessobasta.it

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
I campi obbligatori sono contrassegnati *